E' stato dato l'avvio ufficiale ai lavori della Commissione Open Source del CNIPA con la presenza del Sottosegretario sen. Beatrice Magnolfi.

La nuova Commissione, presieduta dal prof. Raffaele Meo, ha tra i principali obiettivi lo studio delle modalità di acquisizione di soluzioni Open Source (OS) per i propri sistemi informativi, lo studio di un marketplace per tali soluzioni, nonché capire come incentivare, sostenere ed integrare con la Pubblica Amministrazione il lavoro svolto dalle community su progetti OS particolarmente fecondi.  

Tali conclusioni potranno inoltre costituire un punto di partenza per un futuro aggiornamento delle linee guida e delle disposizioni di legge relative all'uso dell'OS nella Pubblica Amministrazione (PA).

Il Sottosegretario sen. Magnolfi oltre a sottolineare l'importanza di tali iniziative da parte del Governo, ha ribadito come i lavori della Commissione possano gettare le basi per future azioni di aggiornamento delle precedenti direttive sull'open source nel nostro Paese. Tali aggiornamenti potranno prevedere anche un lavoro di concertazione con altri Ministeri: Università e Sviluppo Economico. Inoltre, la senatrice ha ricordato come nella spesa ICT della PA italiana ci sia un forte squilibro tra costi di licenze e costi per i servizi.

Infine il Presidente del CNIPA, prof. Fabio Pistella, ha sottolineato come non ci troviamo di fronte ad improbabili "guerre di religione" (OS contrapposto ad "altre modalità" di software) quanto piuttosto di fronte alla possibilità di fornire reali alternative alla PA (e quindi ai cittadini). Inoltre, ricorda il prof. Pistella, i reali vantaggi di una scelta in favore dell'OS per i sistemi informativi di una qualsivoglia PA iniziano ad emergere solo nel medio-lungo periodo.La commissione è composta dai seguenti membri:

  • Giampaolo Amadori
  • Leonardo Bertini
  • Paolo Boscolo
  • Alfonso Fuggetta
  • Michele Marchesi
  • Riccardo Martina
  • Flavia Marzano
  • Angelo Raffaele Meo
  • Sandro Morasca
  • Vittorio Pagani
  • Vincenzo Patruno
  • Antonia Pasqua Recchia
  • Marco Rossi
  • Paolo Russo
  • Giovanna Sissa
  • Giorgio Ventre

I lavori della Commissione, che potrà avvalersi di esperti provenienti tanto dal settore pubblico quanto dal privato e da quello accademico, vengono supportati dall'Osservatorio Open Source del CNIPA.E' nelle intenzioni della Commissione aprire un forum pubblico dove raccogliere suggerimenti, stimolare le idee, e favorire il dialogo per i lavori della Commissione stessa.

Ad uno dei membri della Commissione il Prof. Giorgio Ventre  – Dipartimento di Informatica e Sistemistica, Università di Napoli Federico II abbiamo posto alcune domande:

Quali sono gli obiettivi della commissione?

La commissione nasce a valle del lavoro preparatorio fatto dalla precedente commissione che aveva fatto chiarezza nel mondo dell’Open Source, identificando gli aspetti principali di questa tecnologia. La nuova commissione nasce con l’obiettivo di preparare delle linee guida che facilitino la possibilità da parte delle Pubbliche Amministrazioni sia centrali che locali di adottare con sicurezza il software Open Source.

Quali saranno le prime iniziative?

La Commissione ha formato dei gruppi di lavoro che si concentreranno su quattro azioni:Una analisi aggiornata della attuali posizioni della Unione Europea, dei maggiori paesi, della Pubblica Amministrazione e dei principali operatori del mercatoLa definizione di linee guida operative per facilitare l’adozione da parte delle PA del software Open SourceUna analisi delle possibilità offerte dall’Open Source per la adozione di strategie di sviluppo cooperativo nelle PA secondo il classico approccio delle Communities.

Pin It on Pinterest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: