Autori e curatori: Giovanna Sissa
Contributi: Angelo Raffaele Meo, Giulio Occhini
Collana: Quaderni di informatica
Argomenti: Compatibilità ambientale ed ecologicaInformation Technology: gli scenariEcologia, ambiente
Livello: Saggi, scenari. Testi per professional
Dati: pp. 144,     1a edizione  2008  (Cod.1290.43)
Il computer sostenibile. Riduzione dei rifiuti elettronici riuso dei pc e open source
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,00

 

Codice ISBN 13: 9788846495396

 

Il tema dei rifiuti elettronici, del loro smaltimento, dei possibili danni a salute e ambiente. Il testo spiega come anche in Italia sia diventata operativa la normativa europea sui RAEE (Rifiuti delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), e dimostra come l’open source sia in grado di ritardare la dismissione dei computer. Un libro per ripensare, riusare e ridurre i rifiuti elettronici, puntando alla sostenibilità ambientale nel settore informatico.

Per anni la e di “electronic”, prefissa ai vari settori dell’attività umana (government, commerce, learning, health), ha accompagnato lo sviluppo e la diffusione dell’informatica, trasformando parole comuni in affascinanti neologismi hi-tech. Un giorno il prefisso “e” è stato collocato davanti a “waste” (rifiuto), ed è nata una delle grandi “brutte parole” del nuovo millennio: “e-waste”. Il trend positivo delle “e” doveva considerarsi interrotto! Un’inversione di tendenza che non è però stata oggetto di grande attenzione. Il settore ICT ha a lungo ignorato i milioni di tonnellate di rifiuti elettronici, di spazzatura assolutamente reale.
Produzione, uso ed eliminazione di un computer hanno però un impatto ambientale diretto sempre più significativo.
Questo libro parla di computer obsoleti ma ancora funzionanti e di come allungarne il ciclo di vita.
Nella prima parte introduce il lettore al tema dei rifiuti elettronici, del loro smaltimento, dei possibili danni a salute e ambiente e spiega come anche in Italia sia diventata operativa la normativa europea sui RAEE (Rifiuti delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche).
Spesso non è però l’hardware ad essere superato, ma il software. Per questo il libro dimostra come l’open source sia in grado di ritardare la dismissione dei computer – lo testimoniano diversi casi di riuso in scuole e pubbliche amministrazioni.
Nella parte finale lo sguardo è rivolto al futuro della ricerca che punta alla sostenibilità ambientale nel settore informatico. Ripensare dunque, per riusare e ridurre i rifiuti elettronici.
Rivolto a tutti coloro che possiedono un computer, il libro è scritto con un linguaggio scientifico ma divulgativo. Gli informatici potranno trarne diversi spunti di riflessione; le scuole indicazioni per riusare in modo nuovo computer ancora funzionanti; le pubbliche amministrazioni o le aziende che dismettono i propri PC suggerimenti per ripensare a come usarli in modo diverso.

Giovanna Sissa, si occupa da trent’anni di Information Society. È stata consulente di aziende, di pubbliche amministrazioni ed esperta indipendente della Commissione Europea. Dopo aver insegnato elettronica nella scuola, ha ideato e dirige l’Osservatorio Tecnologico del Ministero Istruzione. È membro della Commissione Open Source del Mini-stero della Funzione Pubblica. Dopo la laurea in Fisica nel 1978 ha svolto ricerche sulle energie rinnovabili ed è ora interessata allo sviluppo di un approccio ambientalista al settore ICT.

Pin It on Pinterest