C’era una volta un bambino che dalla sua finestra guardava i suoi coetanei andare in bici, c’era una volta un bambino che guardava tutte le tappe del Giro d’Italia in TV sognando di scalare le vette più alte e di vincere tutte le volate.

Beh mi direte cosa c’è di strano in questo?

Nulla solo che quel bambino non sapeva andare in bicicletta, perché il suo papà a sua volta non sapeva andarci e quindi non gliel’ha mai insegnato.

Quando sei piccolo, è difficile vincere le paure e provarci!

Gli anni passavano e quel bambino con il suo sogno nel frattempo si trasformava prima in un ragazzo e poi in un uomo.

Il suo sogno era sempre lì chiuso nel cassetto e le rinunce aumentavano: Quante volte ha finto per evitare le  uscite divertenti con i ragazzi della sua età.

“Ragazzi fittiamo le bici e facciamo un giro dell’isola?”

“Antonio ma tu hai una bici?”

Queste erano solo alcune delle domande cui trovare spesso una risposta di fantasia o di comodo.

Immaginate la vergogna di un adolescente nel dire “non so andare in bicicletta”?

In realtà a qualche amico fidato la verità era stata confidata ma senza ricevere aiuto solo magari la classica battuta “dai non può essere, è facile ci riescono tutti”.

Si è vero è facile forse come  il primo bacio o come nuotare…. Eppure molti si bloccano e pure io!

Negli anni del Liceo la bici non era di moda ma quasi tutti avevano il motorino (ricordate il Sì o il Ciao?), forse però in quegli anni trovare una scusa era più semplice ……infatti, si poteva usare questa:

“Mio padre non vuole che abbia una moto o i miei pensano sia pericolosa”.

Per fortuna a 18 anni l’agonia è finita, con la conquista della patente e della prima auto, infatti non c’era più necessità delle due ruote, eppure dentro di me continuava ad esserci un desiderio tremendo di provarci…. Ma non ero ancora pronto.

Ero insicuro e preso da tante cose, la prima fidanzata seria, l’università, gli amici.

La vita ha fatto il suo corso con la laurea, il lavoro, il matrimonio e i figli……. Una vita sempre a 4 ruote, fino a quando 3 anni fa all’età di 38 anni è scattato un click nella mia testa.

Sapevo che mio cognato aveva una mountain bike che non usava nel suo garage e allora un sabato mattina gli ho chiesto se potevo prenderla  e nel mio garage ci sono salito su.

foto bici oldEro solo, ero goffo, ero incapace ma ero felice.

Ho iniziato a fare piccoli giri nel garage e poi subito dopo nel parco sotto casa.

Avevo problemi a fare le curve ma tutto sommato ero in equilibrio, finalmente capivo cosa si intendesse per la facilità…. S’intendeva che se pedali la velocità ti tiene in equilibrio.

In realtà non è così semplice, nonostante la sua semplicità, la bicicletta rimane un sistema il cui equilibrio è davvero difficile da comprendere e identificare appieno. In sostanza è come la storia del calabrone: un illustre scienziato una volta disse che secondo i suoi calcoli matematici, data la massa e la dimensione delle ali, il calabrone fisicamente non può volare. Quando un giornalista gli chiese “e allora perché vola?” lo scienziato rispose: “perché nessuno glielo ha mai fatto presente.

Dopo un po’ ho comprato tutta l’attrezzatura necessaria ed ho iniziato a uscire per strada da solo o con alcuni amici ed ho scoperto finalmente cosa vuol dire andare in bicicletta.

12717949_1047264151982198_1355488098254952823_n

Ho visto e visitato posti mai visti e inaccessibili con le macchine, ho fatto salite molto dure come il mio adorato Vesuvio e discese altrettanto ardite in cui facilmente si arriva  a superare i 60 km/h.

Ho goduto di panorami mozzafiato come ad esempio nel mio giro a Positano e sopratutto mi sono sentito libero.

E ora?

Ora continuo quando posso a pedalare cercando di migliorarmi, anche se non è facilissimo avendo poco tempo a disposizione.

Una delle cose principali che ho fatto è stata insegnare subito alle mie due bimbe ad andare in bicicletta per evitare l’errore che mio padre aveva fatto con me.

Ci sono riuscito e ora pedaliamo spesso insieme tutti e tre.

Questa è la mia storia con la bicicletta e con il ciclismo, questa storia dimostra che se si vuole qualcosa si può anche imparare ad andare in bici a 38 anni…….

E ora sapete come mi sento?

Libero, libero, libero, mi sento libero.

—-

NB: Racconto scritto per il Concorso a Ruota Libera di Enel e …che non ho vinto…:(

Pin It on Pinterest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: