Analisi in tempo reale, self-service e gestione dei metadati hanno la precedenza su Intelligenza Artificiale e Machine Learning


Talend (NASDAQ: TLND), leader mondiale nelle soluzioni software di integrazione cloud e big data, ha condotto un sondaggio che, coinvolgendo 169 responsabili IT, indica come big data, analytics e governance siano nella lista delle priorità per il 2017. I risultati dell’indagine mostrano che analisi in tempo reale, gestione dei metadati e l’accesso self-service ai dati costituiscono quasi il 70 per cento dei progetti che i responsabili IT leader intendono realizzare nel 2017, strutturando i propri dati per sfruttare intelligenza artificiale e machine learning in un futuro prossimo.

Dall’indagine emerge anche che mentre la spinta verso la trasformazione digitale continua ad essere un obiettivo da perseguire, quotidianamente i CIO sono chiamati ad affrontare le sfide in termini di budget e di tempo per garantire le operazioni di business. Di conseguenza, il loro obiettivo è guardare al progresso tecnologico continuando a focalizzarsi sul core business.

“La tecnologia da sola non rende l’azienda più orientata ai dati”, ha affermato Ashley Stirrup, chief marketing officer di Talend. “E’ fondamentale comprendere l’importanza del giusto mix di risorse umane, tecnologie e processi necessari per incrementare il valore strategico dei dati. Il compito dei responsabili della trasformazione digitale è quello di creare una cultura aziendale che intende i dati come una risorsa strategica che deve essere considerata in ogni fase del processo decisionale. Questo approccio garantisce l’agilità e la flessibilità di business necessarie per rimanere competitivi sul mercato odierno”.

 

I principali risultati dell’indagine Talend sui CIO:

 

  • Aumento dei progetti Big Data: le aziende hanno raggiunto un nuovo livello di conoscenza sui big data, con oltre l’80 per cento degli intervistati che indica di aver pianificato almeno un’iniziativa big data nel 2017, cifra quasi doppia rispetto al numero dei progetti big data portati a termine nel 2016. Per il 2017 i progetti si concentreranno su analytics e client.
  • Le analisi in tempo reale sono una priorità assoluta per il 26% degli intervistati per il 2017, segue la gestione dei metadati per il 20% mentre la preparazione self-service dei dati è stata indicata come priorità dal 18%. Molti CIO prendono già in considerazione intelligenza artificiale e machine learning e Internet of Things (IoT) ma con un livello più basso di importanza, pari rispettivamente al 10% e 5%.
  • I Big Data sempre più spesso vengono utilizzati per migliorare i processi interni e l’assistenza clienti: il lavoro dei responsabili IT spesso si divide tra l’introdurre nuove tecnologie per migliorare il business e il garantire l’operatività in modo sicuro ed economico. Questo spiega come per il 27% degli intervistati l’impatto più significativo dei Big Data sulla loro organizzazione sia proprio rappresentato dal miglioramento dei processi interni. Mentre per il 20% è il customer service ad aver beneficiato dei Big Data, seguito dal 17% sia per la riduzione dei costi operativi sia per la creazione di nuovi flussi di reddito.
  • Il rapporto tra IT e Business è il più grande ostacolo per diventare un’azienda orientata ai dati: il 35% degli intervistati ha indicato quale sfida principale nel percorso per diventare data-driven il rapporto tra IT e business. In particolare, per il 23% questo rapporto è stato l’ostacolo da dover affrontare prima ancora di quello del budget o quello di disporre di competenze adeguate che è considerato come una sfida solo dal 16% degli intervistati.
  • Governance, qualità e self-service dei dati: quando è stato chiesto quale dei seguenti aspetti rappresenti la massima priorità per l’azienda, i responsabili IT hanno messo in evidenza governance dei dati (37%), qualità dei dati (33%) e self-service (31%). Questi risultati mettono in luce come per le aziende sia di primaria importanza poter garantire che i dati siano puliti, gestiti e ampiamente accessibili in modo che i dipendenti possano metterli al servizio del successo aziendale.

 

 

A proposito di Talend

Talend (NASDAQ: TLND)  è uno dei leader della prossima generazione di soluzioni di big data e cloud integration che aiuta le aziende che vogliono essere guidate dai dati, rendendoli più accessibili, migliorandone la qualità e fornendoli rapidamente là dove sono necessari per un processo decisionale in tempo reale.  Semplificando i dati grazie a questi passaggi, Talend permette alle aziende di agire con perspicacia basandosi su informazioni precise, minuto per minuto, relative alla loro attività, ai clienti e al settore. Le soluzioni open source innovative di Talend raccolgono, preparano e combinano i dati provenienti da centinaia di fonti con rapidità ed efficienza, in modo tale che le aziende possano ottimizzarli in ogni ambito delle loro attività. Talend ha sede a Redwood City, California. 

Pin It on Pinterest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: