Secondo i dati dell’ultimo rapporto Canalys, Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, che è ufficialmente arrivato in Europa solo pochi mesi fa, ha registrato sorprendenti risultati nel Q1 2018. L’azienda cinese sembra infatti essersi messa già alle spalle tutti i vari produttori minori, con 2,4 milioni di smartphone spediti che hanno portato a una quota di mercato del 5,3% e al quarto posto nella top 5.

[amazon_link asins=’B079VS947C,B07914CZWK,B01N011RPS,B074WQVX5S,B079KGWRMZ’ template=’ProductCarousel’ store=’antoniosavare-21′ marketplace=’IT’ link_id=”]

Il rapporto Canalys mostra inoltre che la flessione del mercato smartphone sembra essersi estesa anche all’Europa nel primo trimestre del 2018, che ha registrato un calo delle spedizioni pari al 6,3% su base annua – il più grande mai registrato in un solo trimestre. L’Europa occidentale ha subito l’impatto maggiore, con un calo del 13,9% e 30,1 milioni di unità vendute. L’Europa centrale e orientale, pur essendo un mercato più piccolo, è rimasta una regione in crescita, con un aumento del 12,3% e 15,9 milioni di unità vendute, guidata dalla Russia.

Il gradimento dei brand cinesi, tra cui Xiaomi, è stato determinante nel guidare la crescita di specifiche come fotocamere doppie e triple, che sono cresciute di oltre il 150% rispetto all’anno precedente. Anche gli schermi per smartphone hanno continuato ad aumentare in termini di dimensioni, e le spedizioni di smartphone con display superiori a 5,5” hanno registrato una crescita di oltre il 50%. La commoditization di schermi in formato 18:9 ha catalizzato questa crescita.

Maggiori informazioni sul report Canalys sono disponibili qui.